Facebook
Twitter
Telegramma
WhatsApp
PDF
☦︎
☦︎

il turista: Io e il mio devoto amico Professore non abbiamo resistito al desiderio di iniziare il nostro viaggio e, prima ancora, di farvi una breve visita per salutarvi e chiedervi di pregare per noi.

il professoreSì, l'incontro con te ci è stato di grande beneficio, e lo stesso vale per le conversazioni spirituali che ne abbiamo tratto beneficio in compagnia dei tuoi amici. Conserveremo nel cuore il ricordo di tutto questo come segno di amicizia e di amore cristiano verso quel Paese lontano verso il quale ci affrettiamo.

Inizia: Grazie ad entrambi per aver pensato a me. Che momento perfetto per il tuo arrivo! Ho due viaggiatori, un monaco ed eremita moldavo che ha vissuto in silenzio per venticinque anni nel cuore della foresta. E vogliono vederti. Li chiamerò adesso. Arrivano.

il turista: SÌ! La vita in isolamento è davvero una benedizione! Quanto è appropriato che l'anima si muova verso l'unione permanente con Dio! La foresta silenziosa è come il Giardino dell'Eden, in cui l'albero della vita cresce nel cuore di chi è solitario. Credo che se ciò fosse in mio potere, nulla mi impedirebbe di praticare la vita ascetica!

il professoreTutto, se lo guardiamo da lontano, ci sembra delizioso. Ma attraverso l’esperienza impariamo che ogni situazione, nonostante i suoi vantaggi, presenta anche degli svantaggi. Non c'è dubbio che la vita solitaria, per chi ha un temperamento oscuro e è incline al silenzio, è una consolazione, ma quanti pericoli ci sono su questo cammino! La storia della vita ascetica ci offre molti esempi che mostrano che molti eremiti ed eremiti, che rinunciarono completamente alla compagnia delle persone, furono vittime di delusioni e tentazioni pericolose.

eremitaMi stupisce sentire in Russia, sia nei monasteri che tra i laici timorati di Dio, che molti di coloro che desiderano una vita di ascetismo o la pratica della preghiera interiore sono distratti da questa tendenza per paura delle tentazioni. Ciò, secondo me, deriva da due ragioni: o una mancanza di comprensione del compito da svolgere e una mancanza di cultura spirituale, oppure la nostra stessa indifferenza verso i risultati contemplativi e un geloso timore che altri, che consideriamo inferiori a noi, possano superaci in questa sublime conoscenza. È un vero peccato che coloro che hanno questa convinzione non studino l'insegnamento dei Santi Padri su questo argomento. I Padri, infatti, insegnano con insistenza che non bisogna temere né dubitare quando si invoca Dio. Anche se alcuni erano veramente vittime di illusioni, la ragione di ciò era l'arroganza, la mancanza di un padre spirituale o il prendere le apparenze e l'immaginazione per la verità. I Padri dicono precisamente che se arriva un tale periodo di prova, deve portare ad una prova più consapevole e ad una corona di gloria, poiché Dio è pronto a venire in soccorso quando permette una cosa del genere.

Sii coraggioso, dice Gesù Cristo: (Io sono con te, quindi non aver paura). Sarebbe quindi sbagliato temere e preoccuparci della preghiera interiore con il pretesto che esiste il pericolo di delusione. L'umile consapevolezza dei peccati, la sincerità dell'anima verso il padre spirituale e l'assenza di nozioni legate alla preghiera, costituiscono una difesa forte e fortificata contro queste illusioni che molti temono così tanto da non osare entrare nel regno della attività spirituale. D'altra parte, queste persone sono soggette alla tentazione, come dimostrano queste sagge parole di Filoteo del Sinai: “Ci sono molti monaci che non comprendono la propria illusione mentale e tollerano di essere nelle mani dei demoni - cioè, devono dedicarsi seriamente ad una forma di attività: le opere esterne di giustizia. - Quanto all'attività spirituale, cioè alla contemplazione interiore, non se ne occupano affatto, perché sono incolti e ignoranti in questa materia. Dice anche san Gregorio del Sinai: “Anche se sentono gli altri dire che la grazia li trasforma interiormente, vedono in questa – l’invidia – nient’altro che un’illusione”.

il professorePermettimi di farti una domanda: La consapevolezza dei peccati - senza dubbio - si presenta a chiunque sia consapevole di se stesso. Ma cosa facciamo quando non abbiamo un padre spirituale che possa guidarci, secondo la sua propria esperienza, riguardo alla vita interiore, quando gli apriamo il nostro cuore e insegnarci una conoscenza corretta e affidabile della vita spirituale? vita? In questo caso non c’è dubbio che sarebbe meglio non iniziare a meditare invece di provarci con i nostri mezzi, senza prove? Aggiungo che, per quanto mi riguarda, non capisco facilmente come, se un uomo è al cospetto di Dio, possa mantenere una completa assenza di fantasia. Ciò non è naturale, poiché la nostra anima o razionalità non può immaginare qualcosa che sia senza forma, nel vuoto assoluto. Perché davvero, quando l'anima è assorbita in Dio, non dobbiamo immaginare Gesù Cristo o la Santissima Trinità e così via?

eremitaIl consiglio di un padre spirituale esperto o di iniziati in questioni spirituali, al quale aprire il cuore ogni giorno senza riserve, con fiducia e beneficio, e rivelare i propri pensieri e tutto ciò che si è incontrato sul cammino della coltivazione interiore, è il consiglio iniziale condizione per praticare la preghiera del cuore quando si ha intrapreso un comportamento La via del silenzio. Tuttavia, nei casi in cui è impossibile trovare una guida, i Padri che hanno prescritto questo metodo lo considerano un caso eccezionale. A questo proposito il monaco Niceforo dà indicazioni precise, così: (Mentre si pratica l'attività interiore del cuore, deve esserci un padre spirituale autentico ed esperto. Se non conoscete un padre di questa qualità, cercatelo diligentemente . Ma se non lo trovi, invoca con contrizione l'aiuto di Dio e ricevi aiuto Gli insegnamenti e i consigli nei comandamenti dei giusti padri, e sono dimostrati confrontandoli con la parola di Dio contenuta nella Sacra Bibbia).

Anche questo deve essere preso in considerazione: un ricercatore ben intenzionato e zelante può ottenere informazioni utili dalla gente comune. I padri giusti ci assicurano che se chiediamo, anche a un non credente, con fede e con intento onorevole, egli potrà dirci qualcosa di utile. D'altra parte, se chiediamo consiglio a un profeta senza fede e senza intenzione onorevole, il profeta stesso non sarà in grado di rispondere alla nostra richiesta. Ne abbiamo un esempio nella storia di Macario il Grande d'Egitto, che un giorno diede ad un semplice contadino una spiegazione che pose fine alla sua disperazione.

Per quanto riguarda l'assenza di immagini - cioè, non usare l'immaginazione, non accettare una visione durante la meditazione, sia essa una luce, un angelo, Cristo o qualsiasi santo, e astenersi da ogni sogno durante il sogno ad occhi aperti - questo è, ovviamente consigliato dai padri esperti per il seguente motivo: L'immaginazione ha potere facilmente incarna, o meglio dà vita, a immagini mentali, tanto che anche persone inesperte possono essere facilmente attratte da queste immagini, e considerarle una visione di. adornare. Quindi cadono nell'illusione, senza tener conto degli avvertimenti della Bibbia, che dice che Satana stesso può assumere la forma di un angelo di luce. Che la mente possa naturalmente trovarsi facilmente in uno stato di assenza di immagini e rimanere in questo stato, lo vediamo bene finché la forza dell'immaginazione riesce a rappresentare qualcosa in una forma tangibile in questo vuoto, quindi dando a questa percezione una consistenza apparente. Come fotografare il respiro, l'aria, il caldo o il freddo. Quando hai freddo, puoi formarti mentalmente un'idea vivida del calore, sebbene il calore non abbia limiti, non possa essere oggetto della visione e non si misuri con la sensazione fisica esposta al freddo. Così è anche l'incomprensibile presenza spirituale di Dio: Egli può essere conosciuto dalla mente e la cui identità può essere accertata dal cuore in un assoluto vuoto di forme.

il turista: Durante i miei viaggi, ho incontrato persone devote in cerca di salvezza che mi hanno detto che temevano la vita interiore, che descrivevano come una pura illusione. A molti di loro ho letto, con qualche beneficio, l'insegnamento di san Gregorio del Sinai nella Filocalia. Diceva che (il lavoro del cuore non può essere un'illusione (a differenza del lavoro della mente), perché se il maligno volesse trasformare il calore del cuore nel suo fuoco ardente, o sostituire la gioia del cuore con i piaceri nascosti nel cuore, poi il tempo, l'esperienza e il sentimento stesso, rivelerebbero la maschera del suo inganno e del suo inganno, anche a coloro che... Non avevano acquisito molta conoscenza.) Mi è capitato di incontrare altri che, purtroppo, dopo aver conosciuto la via del silenzio e della preghiera del cuore, si sono scontrati con qualche ostacolo, o con una debolezza riprovevole, per cui si sono arresi al fallimento e hanno abbandonato il lavoro interiore del cuore, che loro sapevano.

il professore: Sì, questo è molto normale. Personalmente, a volte ho provato la stessa cosa in un'occasione in cui ho perso il mio equilibrio interno o ho commesso un errore. Poiché la preghiera interiore è qualcosa di sacro, un'unione con Dio, o non una violazione della santità, o non una sfida da evitare, portiamo qualcosa di santo e lo poniamo in un cuore contaminato dal peccato, senza prima purificarlo con rimorso e contrizione di un cuore silenzioso o senza un'adeguata preparazione per ritornare a Dio? È meglio tacere davanti a Dio che elevare a Lui l'Onnipotente parole incuranti provenienti da un cuore immerso nelle tenebre e nel tumulto.

Monaco: È davvero un peccato che tu la pensi così. È lo scoraggiamento, cioè il peggiore dei peccati, e l’arma principale che il mondo delle tenebre ha contro di noi. L'insegnamento dei padri esperti, a questo riguardo, è molto contrario. Niscitas Stethatus dice che anche se cadi e sprofondi negli abissi satanici del male, anche allora non devi disperare, ma piuttosto volgerti rapidamente verso Dio, e Lui Onnipotente rialzerà rapidamente il tuo cuore dal suo inciampo e ti darà più forza di quanta ne avessi. Prima. Dopo ogni caduta e ogni ferita del cuore causata dal peccato, l'uomo deve immediatamente porre il suo cuore alla presenza di Dio per guarirlo e purificarlo. Proprio come le cose marce, se le esponiamo per qualche tempo alla forza della luce solare, perdono l'intensità della putrefazione. Molti scrittori religiosi esprimono categoricamente la loro opinione su questo conflitto interno contro i nemici della salvezza, che sono le nostre passioni. Anche se sei stato ferito mille volte, non dovresti in alcun modo rinunciare all'attività vivificante, che è il ricordo di Gesù Cristo presente nel cuore. I nostri peccati non solo dovrebbero distrarci dal camminare alla presenza di Dio e dalla preghiera interiore, poiché in quel momento non ci saranno altro che ansia, delusione e tristezza in noi, ma, al contrario, dovrebbero portarci a volgerci immediatamente verso Dio. Come un bambino condotto dalla madre, quando comincia a camminare, si gira velocemente verso di lei e le si aggrappa quando sta per cadere.

eremitaDa parte mia, ritengo che la debolezza della risolutezza, i pensieri preoccupanti e i dubbi siano molto facilmente risvegliati dalla distrazione e dall'incapacità di mantenere il silenzio del nostro essere interiore. Gli antichi padri, nella loro saggezza divina, vinsero una debole risolutezza e ricevettero illuminazione e forza attraverso l'incrollabile speranza in Dio, attraverso il silenzio silenzioso e la solitudine, e ci hanno dato questo consiglio sano e prezioso: (Siediti in silenzio nella tua cella ed Egli insegnerà tu tutto).

il professoreHo una così grande fiducia in te che sono molto felice di ascoltare la tua critica alle mie opinioni sul silenzio, che tanto lodi, e sulle virtù della vita solitaria che l'eremita apprezza molto. Ma ecco cosa penso: finché tutte le persone, in virtù della legge della natura data da Dio Onnipotente, sono in uno stato di necessario attaccamento reciproco e devono, da quel momento in poi, cooperare nella vita, lavorare per e scambiarsi servizi, allora questo spirito sociale contribuisce alla felicità del genere umano. Mette in risalto l'amore per il prossimo. Ma l'eremita silenzioso che si è ritirato dalla società umana, come può, nella sua inattività, servire il prossimo? Qual è la sua possibilità di contribuire al benessere della società umana? Distrugge completamente in sé questa legge del Creatore, che richiede l'unità dell'umanità nell'amore e nelle buone azioni per amore della fratellanza totale.

eremita: Hai un'idea sbagliata del silenzio e i risultati a cui arrivi non sono corretti. Vediamolo nel dettaglio:

1- La persona che vive nel silenzio della solitudine non solo vive in ozio e in ozio, ma è anche estremamente attiva, anche più di chi è coinvolto nella vita della società. Lavora instancabilmente al massimo livello della sua intelligenza. Resta sveglio, medita, concentra la sua attenzione sulla condizione e sul progresso della sua anima, e questo è il vero scopo del silenzio. Nella misura in cui questa situazione favorisce il proprio progresso verso la perfezione, è benefica per coloro che non sono in grado di praticare la concentrazione interiore per lo sviluppo della propria vita spirituale. Chi veglia in silenzio e comunica le sue esperienze interiori sia verbalmente (in casi eccezionali) sia registrandole per iscritto aiuta per il bene spirituale e la salvezza dei suoi fratelli. Fa di più, e ad un livello più alto, del benefattore medio, poiché la semplice benevolenza emotiva, nel mondo, è limitata, limitata dal piccolo numero di benevolenze donate. Quanto a colui che elargisce buone azioni sperimentando internamente mezzi convincenti di realizzazione spirituale, diventa il benefattore di interi popoli. La sua educazione ed esperienza vengono tramandate di generazione in generazione. Come vediamo noi stessi, abbiamo beneficiato di insegnamenti ed esperienze che si estendono dai tempi passati fino ai giorni nostri. Questo non è diverso dall’amore cristiano, anzi lo supera in termini di risultati.

2- L'effetto prezioso e buono che una persona silenziosa ha sul suo prossimo non si manifesta solo nel comunicare le sue osservazioni sulla vita interiore, ma anche nel buon esempio e nello splendore della sua vita, che può risvegliare i mondani alla conoscenza di sé e generare in loro un sentimento di rispetto. Una persona che vive nel mondo, che sente parlare di un devoto recluso, o passa davanti alla porta del suo eremo, sente una chiamata alla vita spirituale, e si ricorda di ciò che una persona può essere sulla terra, e che può ritornare a quella originaria stato contemplativo in cui emerse dalle mani dell'Onnipotente Creatore. Il silenzioso insegna anche con il suo silenzio. Nella sua vita privata fa del bene, guida e persuade a cercare Dio.

Sant’Isacco il Siro canta l’importanza del silenzio, dicendo: “Se mettessimo da una parte i fatti della vita terrena, e dall’altra il silenzio, troveremmo che questa parte è quella preponderante coloro che compiono miracoli e prodigi nel mondo e coloro che tacciono di propria spontanea volontà. Amate il silenzio più che saziare chi ha fame di cibo. È meglio per voi essere liberati dai vincoli del peccato che liberarne gli schiavi la loro schiavitù. Anche i saggi non cristiani hanno riconosciuto il valore del silenzio. La scuola neoplatonica, che comprendeva molti seguaci il cui maestro fu Plotino, diede uno status elevato allo sviluppo della vita contemplativa, che fu raggiunta in modo speciale attraverso il silenzio. Uno scrittore religioso ha affermato che se lo Stato avesse raggiunto i più alti livelli di perfezione morale e di educazione, ci sarebbe ancora bisogno che la coscienza delle persone contempli, indipendentemente dalle attività ordinarie dei cittadini, per preservare lo spirito della verità, e di trasmetterlo alle generazioni future, ciò che abbiamo ricevuto dai secoli passati. Queste persone, nella Chiesa, sono eremiti, eremiti e asceti.

il turistaPenso che nessuno abbia elogiato la virtù del silenzio con la stessa originalità di San Giovanni della Scala. Diceva: (Il silenzio è la madre della preghiera, ritorno dal peccato, progresso nascosto sulla via della virtù e continua ascesa verso il cielo). Va bene! E Gesù stesso, per mostrarci la virtù e la necessità della clausura nel silenzio, spesso lasciava la sua predicazione pubblica e si recava in luoghi isolati per pregare e riposarsi. Coloro che meditano in silenzio sono come le colonne che sostengono la chiesa con la loro preghiera silenziosa e continua. Fin dai tempi più remoti, abbiamo visto che molti devoti laici, e anche re e i loro cortigiani, visitano eremiti e uomini che vivono nel silenzio per chiedere loro le loro preghiere affinché siano rafforzati e salvati. Così, il recluso silenzioso può servire il suo prossimo e lavorare per il bene e la felicità del gruppo pregando in isolamento.

il professore: Anche questa è un'idea che per me è difficile da comprendere. È consuetudine comune tra tutti i cristiani chiedersi a vicenda di pregare per loro. Volere che gli altri preghino per me e avere una fiducia speciale in un membro della Chiesa, non è questa solo una richiesta che si fa per amore verso se stessi? Non è forse anche vero che ci siamo abituati a dire quello che abbiamo sentito dire dagli altri? Non è questo un capriccio che non poggia su basi solide? Dio ha bisogno dell'intercessione degli uomini purché l'Onnipotente si prenda cura di tutto e agisca secondo la Sua santissima provvidenza e non secondo il nostro desiderio, conoscendo tutto e decidendolo prima che noi lo chiediamo, come dice la Sacra Bibbia? È possibile che la preghiera di tante persone sia più forte, per rendere le Sue decisioni più probabili della preghiera di una persona? In questo caso, Dio è parziale nei confronti delle persone. Le preghiere di qualcun altro possono davvero salvarmi quando tutti vengono lodati o biasimati in base alle proprie azioni? Pertanto, a mio avviso, chiedere preghiere a un'altra persona era semplicemente un'espressione di cortesia spirituale e non comprendeva altro che manifestazioni di umiltà e il desiderio di ottenere soddisfazione da una reciproca richiesta di preghiera.

MonacoSe prendiamo in considerazione solo le apparenze esterne e la nostra filosofia è primitiva, allora può essere lecito vedere la cosa in questo modo. Ma la guida spirituale, santificata dalla luce della rivelazione e approfondita dalle esperienze di vita spirituale, vede oltre, discerne più profondamente e rivela segretamente qualcosa di molto diverso da ciò che ho presentato. Per poter comprendere la questione in modo più rapido e chiaro, prendiamo un esempio e poi verifichiamo la sua validità sottoponendolo alla prova delle parole di Dio. Supponiamo che uno studente venga da un insegnante di scuola per imparare. Le sue deboli capacità e, ancor più, la sua pigrizia e mancanza di concentrazione gli hanno impedito di riuscire nelle sue lezioni, il che lo ha classificato nella categoria dei pigri, la categoria di coloro che non fanno alcun progresso. Questo studente non conosce cosa fare, ed è stato fortemente influenzato dai suoi ripetuti fallimenti, né come combattere i suoi difetti. Poi incontra un secondo studente, un suo compagno di classe, che è più intelligente di lui, più diligente e ha più successo negli studi, e gli presenta i suoi problemi. Gli importa di questo e si offre di lavorare con lui, dicendo: "Lavoriamo insieme. Il nostro impegno sarà maggiore, la nostra gioia sarà maggiore e otterremo risultati migliori". Cominciano a studiare insieme e ciascuno informa l'altro di ciò che capisce. Il loro lavoro è lo stesso. Cosa succede dopo un po'? Gli indifferenti diventavano diligenti. Cominciò ad amare il suo lavoro, la sua negligenza fu sostituita dall'impulsività e la sua mente si aprì, il che ebbe il miglior effetto sulla sua volontà e sul suo comportamento. Quanto a quello che era più intelligente, divenne anche più capace e più diligente. Attraverso questa influenza reciproca si ottengono vantaggi reciproci.

Questo è molto naturale, poiché gli esseri umani sono nati socialmente. Sviluppa solo la sua intelligenza e migliora la sua morale, cultura e volontà attraverso gli altri. Insomma, riceve tutto dal contatto con gli altri. Finché la vita delle persone si basa su legami molto stretti e su influenze molto forti degli uni sugli altri, chi convive con un gruppo di persone ne condivide usi, comportamenti e morali. I vincitori diventano ferventi, gli sciocchi diventano più intelligenti e le persone inattive sono attratte dall’attività dall’intensa attenzione che prestano a ciò che li circonda. Lo spirito può donare allo spirito, fare qualcosa di positivo in un secondo spirito, attirarlo alla preghiera e alla vigilanza. Può rafforzarla se è debole, distrarla dal vizio e aprirle gli occhi alla santità. Pertanto, attraverso il sostegno reciproco, le persone diventano più devote, più attive spiritualmente e più umili. Questo è il segreto della preghiera per gli altri. Spiega la buona abitudine dei cristiani di pregare gli uni per gli altri e di chiedere le preghiere dei fratelli.

Ciò lascia vedere non che piace a Dio come molte richieste e mediazioni soddisfano chi ha autorità mondana, ma che la preghiera, con la sua essenza e potenza, purifica ed eleva l'anima di colui per il quale è stata offerta, e la prepara all'unione. con Dio. Se la preghiera reciproca, offerta da coloro che vivono sulla terra, è estremamente vantaggiosa in questa misura, allora possiamo concludere per analogia che anche la preghiera per i defunti è reciprocamente vantaggiosa, in virtù degli strettissimi legami che uniscono il nostro mondo e il mondo. del Paradiso. Così i membri della chiesa terrena possono essere uniti con i membri della chiesa celeste, oppure - e le due cose sono la stessa cosa - i vivi possono essere uniti con i morti nell'unità della chiesa.

Tutto quello che ho detto è una prova psicologica, ma ci basta aprire la Bibbia per verificarne la correttezza:

1- Gesù Cristo dice all'apostolo Pietro: (Ho pregato per te affinché la tua fede non venisse meno). Vedete qui che la preghiera di Gesù Cristo, con tutta la sua forza, rafforza lo spirito e la determinazione di San Pietro e lo incoraggia quando la sua fede è messa alla prova.

2- Quando l'apostolo Pietro era in prigione, “la Chiesa divenne un'ardente preghiera a Dio per lui” (Atti 12:5). Ciò ci mostra quanto aiuto può apportare la preghiera fraterna nei momenti di avversità e di angoscia.

3- Ma il comandamento più chiaro sulla preghiera per gli altri lo dà san Giacomo apostolo: (Confessate i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri affinché siate guariti. La preghiera del giusto è molto potente nel suo effetto). (Giacomo 5:16). Questa è una prova evidente delle argomentazioni psicologiche precedentemente presentate. Che dire dell'esempio di San Paolo apostolo? Uno scrittore nota che il suo esempio dovrebbe insegnarci quale grande bisogno ci sia di preghiere reciproche, dal momento che qualcuno così santo e così potente riconosce se stesso di aver bisogno di questo aiuto spirituale. Ecco come formula la sua richiesta nella Lettera agli Ebrei: (Pregate per noi, perché abbiamo fiducia che la nostra coscienza è buona e desideriamo fare bene in ogni cosa) (Ebrei 13,18).

Se consideriamo questo, quanto ci sembra irragionevole affidarci solo alle nostre preghiere, mentre una persona di tanta santità, che è stata benedetta da tanta grazia, chiede nella sua umiltà che le preghiere del suo prossimo - qui gli ebrei - siano accompagnate dalle sue preghiere. Per questo bisognava - per una questione di umiltà e di comunione d'amore - non respingere o sottovalutare le preghiere che provengono anche dalle persone più deboli nella fede, mentre l'illuminato apostolo Paolo non ha mostrato alcuna esitazione al riguardo. Chiede la preghiera di tutti in generale, sapendo che la potenza di Dio si rende perfetta nella debolezza e si perfeziona nell'amore. Può trovare la sua perfezione – a volte – tra coloro che sembrano incapaci di pregare se non debolmente. Se comprendiamo la forza di questo esempio, notiamo anche che la preghiera reciproca sottolinea l'unità dell'amore cristiano che Dio comanda, che testimonia l'umiltà spirituale di chi la richiede, e che guida - per così dire - il uno che prega. Questo è ciò che incoraggia l’intercessione reciproca.

il professoreLe tue analisi e le tue prove sono meravigliose e corrette, ma sarebbe interessante se ci mostrassi il modo e la forma di pregare per gli altri. Se la fecondità di questa preghiera è il risultato della nostra viva preoccupazione per il prossimo e il risultato del continuo influsso sull'anima di chi prega sull'anima di chi ha richiesto la preghiera, non c'è da temere che questo stato psicologico sarà motivo di distrarre la mente dalla presenza ininterrotta di Dio e dal rivelare l'anima i suoi sentimenti davanti all'Onnipotente? Se pensiamo al nostro prossimo una o due volte al giorno con misericordia, chiedendo a Dio il suo aiuto, non basterà questo a influenzare e rafforzare il suo spirito? Vorrei – insomma – sapere esattamente come pregare per gli altri.

MonacoLa preghiera che eleviamo a Dio per qualsiasi motivo non deve, e non può, allontanarci dalla presenza di Dio, perché quando è elevata a Dio, questa deve – ovviamente – essere alla Sua presenza, l'Onnipotente. Per quanto riguarda il metodo, dobbiamo notare che la forza di questa preghiera risiede nella vera compassione del cristiano per il suo prossimo, e che essa tocca se stesso solo entro i limiti di questa compassione. Pertanto, se ci capita di ricordare il prossimo, o nel momento indicato per questo ricordo, è opportuno evocare la sua presenza davanti a Dio, ed elevare la preghiera con queste espressioni: (O Dio misericordioso, sia la tua volontà che tu voglia che tutti gli uomini siano salvati e raggiungano la conoscenza della verità, salva e abbi pietà del tuo servo (così e così, o Dio, considera questo desiderio che ti esprimo come una chiamata d'amore). hai comandato.

In circostanze normali, dovresti ripetere questa preghiera ogni volta che ne senti il desiderio, oppure puoi recitarla durante il rosario. L'esperienza mi ha insegnato che è di grande beneficio per coloro a cui viene presentato.

il professoreLe tue opinioni, i tuoi argomenti, la calma conversazione e i pensieri che suscita sono tutti così preziosi che sento il bisogno di conservarli nella memoria come un tesoro prezioso, e il dovere di esprimerti il massimo rispetto e gratitudine da un cuore che conosce la tua gentilezza.

Il turista e il professore: È ora di andare. Dal profondo del nostro cuore chiediamo le vostre preghiere per il nostro viaggio e la nostra amicizia.

IniziaIl Dio della pace, che ha risuscitato dai morti il grande Pastore delle pecore in mezzo al sangue dell'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù Cristo, vi renda capaci di ogni opera buona, affinché possiate fare secondo la sua volontà ciò che è bene a Lui per mezzo di Gesù Cristo, al quale sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen. (Ebrei 13:20-21).

Facebook
Twitter
Telegramma
WhatsApp
PDF
it_ITItalian
Torna in alto